Troppo connessi

Passare molto tempo online, attaccati allo schermo di pc o smartphone, diventa un problema quando interferisce con abitudini di vita sane.

E se si fatica troppo a staccarsi, meglio farsi aiutare!

In linea di massima, una prima figura di riferimento può essere il medico di base, che può essere al corrente anche delle attività specifiche dedicate da alcune Asl all’argomento della dipendenza da internet. In alternativa ci si può rivolgere direttamente alla propria Asl, in particolare ai servizio sulle dipendenze (Serd).

Attenzione ai più giovani, la supervisione è necessaria, in quanto un’attività senza controllo può essere pericolosa, specialmente per i ragazzi più giovani.

È essenziale che i genitori esercitino una forma di supervisione su quello che i figli fanno su internet.

È bene che i genitori si tengano aggiornati sulle novitò tecnologiche e sulle piattaforme più popolari tra i bambini, con i relativi rischi. Infatti si consigliano le app di controllo parentale, così come i filtri e i blocchi di alcuni contenuti.

Bisogna sempre parlare con i bambini delle loro attività online, spiegando i rischi e insegnando loro a tenere comportamenti corretti.

Condividi!